Facebook  -  Twitter      

Questo forum fa uso dei cookie
Questo forum utilizza i cookie per memorizzare i dettagli del tuo login o della tua ultima visita. I cookie sono piccoli files di testo salvati nel computer; i cookie da noi utilizzati sono relativi unicamente ai servizi da noi forniti direttamente o dai banner pubblicitari. I cookie su questo forum salvano inoltre i dettagli relativi alle discussioni lette e alle tue preferenze personali. Sei pregato di selezionare il tasto OKAY se sei consapevole della presenza di questi files e ci autorizzi ad utilizarli per le informazioni specificate.

Indipendentemente dalla tua scelta un cookie verrà salvato per memorizzare nel tuo pc la risposta a questo form. Puoi modificare le impostazioni relative ai cookie nelle preferenze del tuo browser.

  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Guida: Installare RaspBian

#1
Per poter avviare il nostro nuovo Raspberry Pi, è necessario prima preparare una scheda SD, che conterrà il sistema operativo e i programmi che andremo successivamente a installare. Il sistema operativo più utilizzato sul Pi è Raspbian, una versione di Debian Linux ottimizzata per il Raspberry; sono possibili anche altre scelte, come Pidora (basata su Fedora Remix) e RaspBMC, una distribuzione dell’eccellente media center XBMC, particolarmente indicata nel caso si voglia utilizzare il Raspberry come hub multimediale per riproduzione di musica, fotografie e filmati (anche in HD).
[hide]
Andiamo a vedere due diversi metodi per la preparazione della scheda SD. In entrambi i casi, è consigliato l’utilizzo di una scheda da 4 o 8 GB, di classe 4 o superiore. Io ho usato con successo sia delle Kingston classe 4 da 4GB che una Lexar classe 6, sempre da 4GB. Vi servirà, ovviamente, un lettore di SD USB se non ne avete uno integrato nel vostro computer. Prima di cominciare è necessario preparare la scheda con il programma SD Formatter, scaricabile da qui. Formattando la card con questo programma si eliminano tutti i dati, incluse eventuali partizioni multiple che Windows non riesce a vedere (e quindi a formattare). Lanciando il programma sotto Windows, appare questa schermata:

[Immagine: sd_formatter.jpg]

Controlliamo che la lettera di unità indicata sia corrispondente al lettore di SD, scegliamo (volendo) un nome per il volume, e cliccando sul tasto Option selezioniamo Format Type: Quick e Format Size Adjustment: On. Premendo Format e dando conferma alle successive richieste, verranno eliminate tutte le partizioni presenti sulla scheda SD e ne verrà ricreata una singola mettendo a disposizione l’intera capacità della scheda (3.72GB effettivi). Possiamo passare alla scrittura vera e propria del sistema operativo sulla card, ma prima dobbiamo scegliere quale metodo utilizzare fra i due principali disponibili.

Tutti i pacchetti software indicati di seguito sono sempre recuperabili dalla pagina principale dei download sul sito ufficiale.
Il primo metodo, introdotto di recente, utilizza il cosiddetto pacchetto NOOBS (New Out of Box Software) per creare una SD autoavviante partendo dalla semplice estrazione di un archivio ZIP. Non sono richiesti software aggiuntivi nè per Windows, nè per Linux/Mac OsX. Al primo avvio del Raspberry, è possibile scegliere la distribuzione software che si desidera usare da un menu grafico: sono presenti le tre principali sopraelencate e alcune altre scelte. Il vantaggio di questo metodo è che non richiede un software particolare per scrivere la SD; tuttavia, il download del pacchetto di installazione è più pesante e supera il GB. Iniziamo scaricando il pacchetto NOOBS da qui (via http) o da qui (via torrent). Una volta scaricato, basta estrarne il contenuto nella cartella principale della card SD formattata, preservando la struttura delle sottocartelle. Ecco come si presenta una SD correttamente preparata usando Windows:

[Immagine: noobs_sd_win.jpg]

Se la card SD è stata preparata correttamente, inserendola nel Raspberry Pi e collegando l’alimentazione microUSB la board dovrebbe avviarsi e, dopo qualche secondo, visualizzare a schermo il menu di NOOBS. Se non viene visualizzato nulla, è possibile cambiare la modalità video premendo uno dei tasti seguenti:

HDMI (modalità default)
HDMI safe mode, da provare se si usa il cavo HDMI e il monitor non visualizza nulla
Composito PAL, da usare se si e’ collegato il Pi usando il cavo composito (jack giallo)
Composito NTSC

[Immagine: mainwindow.png]

Una volta visualizzato il menu principale, possiamo scegliere la distribuzione da utilizzare, e dal riavvio successivo il Pi si avvierà direttamente senza riproporre la schermata di recovery. La scelta consigliata per iniziare è Raspbian.

Attenzione: NOOBS non viene sovrascritto, per cui se in un secondo momento volessimo provare un’altra delle distribuzioni offerte, possiamo tenere premuto Shift durante l’avvio per tornare alla recovery e modificare la nostra scelta. Nel menu di recovery ci sono anche altre utilità, come un browser per consultare Google in caso di problemi. Per una descrizione più completa di NOOBS si veda la pagina di annuncio su raspberrypi.org.
Il secondo metodo consiste nello scegliere direttamente una distribuzione, scaricarne una immagine (file .img) e scrivere l’immagine sulla SD nel modo corretto, per preparare il filesystem e renderla avviabile. Per poterlo fare sotto Windows è necessario un software aggiuntivo, Win32DiskImager, scaricabile qui. Sotto Linux o OsX si può usare dd da riga di comando o Terminale. Il vantaggio è che dovendo scaricare solo i file di una specifica distribuzione, il download è molto più leggero (Raspbian pesa circa 470MB contro 1.1GB di NOOBS). Sulla pagina dei download del sito raspberrypi.org, dobbiamo scaricare il file immagine di Raspbian “wheezy”, la prima distribuzione fra quelle elencate alla voce Raw Images. Al momento, l’ultima versione è datata 25 maggio 2013 ed è scaricabile direttamente da qui (http) o da qui (torrent). Una volta ottenuto il file con estensione .zip, lo estraiamo per ottenere il file .img. Se siamo sotto Windows, lanciamo Win32DiskImager (non necessita di installazione, è sufficiente estrarre lo zip in una cartella):

[Immagine: win32diskimager.jpg]

Cliccando sull’icona della cartella andiamo a cercare il file .img appena estratto, controlliamo che la lettera sotto Device corrisponda a quella del lettore di SD, e iniziamo la scrittura con Write. Dopo qualche minuto la nostra scheda SD sarà pronta per essere inserita nello slot del Raspberry per poterlo avviare.
[/hide]


Vemp.org: Raspberry Pi: preparare una card SD con il sistema operativo - Link originale
Cita messaggio

#2
la domanda sorge spontanea, come si cambia la modalita video da tastiera sempre che la riconosca?


Inviato dal mio iPad Mini bianco con Tapatalk HD
Cita messaggio

#3
In che senso?
Cita messaggio

#4
(16-12-2013, 21:32)hamtarociaoo Ha scritto: In che senso?

Nel senso che non ho segnale e può essere che vada cambiata la modalità video a hd mi. Come si fa?

Inviato dal mio GT-I9300 con Tapatalk 2
Cita messaggio


[-]
Condividi/Segnala (Mostra tutti)
Facebook Linkedin Twitter

Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Script per aggiornare raspbian su Raspberry daktari77 1 1'371 19-09-2014, 21:45
Ultimo messaggio: hamtarociaoo
  Guida: XBMC su RaspBerry hamtarociaoo 14 4'402 03-09-2014, 22:24
Ultimo messaggio: hamtarociaoo
  Guida: Gestione degli Interrupts su Arduino hamtarociaoo 0 1'733 13-12-2013, 21:26
Ultimo messaggio: hamtarociaoo
  Guida: Domotica di base con Arduino hamtarociaoo 7 6'510 06-12-2013, 17:54
Ultimo messaggio: mannana93
  Guida: RaspBerry hamtarociaoo 5 2'815 04-12-2013, 19:44
Ultimo messaggio: Luca23

Digg   Delicious   Reddit   Facebook   Twitter   StumbleUpon  


Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)


Powered by MyBB, © 2002-2017 MyBB Group.